fiera della canapa

Poco più di un mese fa, approfittando della mia visita a Bologna per il Cosmofarma, sono andata a visitare la fiera della canapa che si è tenuta nello stesso periodo.

Già mi era successo di imbattermi in questa simpatica pianticella sia come ingrediente per cosmetici che nel campo alimentare.
Devo dire che questa manifestazione mi ha fatto conoscere tanti altri modi di usare la canapa, come materiale isolante nell’edilizia ad esempio, o come tessuto per abiti e accessori.

Ovviamente all’interno della fiera è stato dato molto spazio all’aspetto ‘ludico’ della canapa ma sempre nel pieno rispetto della legge.

In questo articolo voglio fare un piccolo resoconto dal punto di vista di una profana dell’argomento.

LA FIERA (INDICA SATIVA TRADE)

La settima edizione della fiera internazionale della Canapa si è svolta il 12, 13 e 14 aprile 2019 a Bologna.

Più di 200 espositori di varie categorie hanno riempito il piano terra, il campo di gioco e il secondo anello superiore dell’Arena Unipol.

All’interno dell’area Food è stato possibile gustare bevande e pietanze a base di canapa e durante la manifestazione sono stati ospitati degli Show cooking vegani.

La fiera ha anche ospitato il Museo Itinerante della Canapa che ha esposto attrezzi per la coltivazione e la lavorazione della canapa e antichi tessuti intrecciati con la fibra di questa pianta.
Non tutti sanno infatti, che in Italia c’è un antica tradizione di coltivazione e trasformazione della canapa che risale al medioevo.

LA CANAPA

E ora voglio parlarvi della protagonista di questa fiera internazionale e cioè la canapa.

La canapa (cannabis) si divide in due categorie, la cannabis sativa e la cannabis indica. Esiste poi una terza specie, la cannabis ruderalis, meno conosciuta e meno utilizzata.

Per quanto riguarda il suo aspetto, sfido chiunque a non riconoscere la famosa fogliolina palmata a margini seghettati che viene utilizzata spesso anche come icona per alcuni prodotti.

In ogni caso vi lascio qui sotto la foto che ho scattato proprio durante la fiera della canapa. La riconoscete vero?

piante fiera della canapa

La differenza fra le cannabis più conosciute è che la cannabis sativa è coltivata per usi industriali, terapeutici, cosmetici e alimentari.
La cannabis indica invece è legata soprattutto agli effetti psicoattivi quindi è utilizzata in maniera ‘ricreativa’ e terapeutica.

La più grande differenza tra le due specie sta nei livelli di concentrazione dei principali cannabinoidi quali il THC e il CDB.

THC E CBD

Il THC (tetraidrocannabinolo) e il CBD (cannabidiolo) sono i componenti principali della cannabis.

Entrambi i composti vengono estratti dalle ghiandole di resina cristallina che rivestono la superficie delle infiorescenze.
L’estrazione può avvenire anche dalla pianta intera ottenendo però un singolo estratto composto da diversi cannabinoidi.

La differenza tra le due sostanze è data dagli effetti psicotropi che provocano agli esseri umani.

Thc

Il THC è un elemento psicoattivo e quindi dichiarato illegale.
La sua assunzione provoca alterazione del comportamento e dell’umore, moderata euforia, sensazione di pace e aumento dell’appetito.

Per contro può provocare anche tachicardia, sbalzi della pressione sanguigna, irritazione improvvisa, paranoia e sensazione di stordimento.

Il THC in campo terapeutico:

Azione farmacologica del THC: analgesico, antiossidante, antinfiammatorio, antiemetico, miorilassante, antiprurito, broncodilatatore, euforizzante.

Principali indicazioni terapeutiche del THC: spasticità secondaria associata a Sclerosi Multipla e ad altre gravi malattie neurologiche, dolore oncologico, dolore cronico di origine neurologica, Sindrome di Gilles de la Tourette, nausea e vomito da chemioterapia, anoressia da AIDS, fibromialgia, dolore post-operatorio, emicrania, emicrania a grappolo.

Cbd

Il CBD non ha effetti psicotropi ed è ritenuto legale, inoltre ha effetto contrario a quello del THC quindi ne contrasta gli effetti.
Sapientemente dosato prolunga gli effetti terapeutici del THC e ne limita gli effetti collaterali.

L’assunzione di CBD aiuta in caso di insonnia e stati d’ansia. Può essere usato come rilassante e antidolorifico per dolori moderati come quelli articolari o mestruali.

Il CBD in campo terapeutico:

Azione farmacologica: ansiolitico, antipsicotico, analgesico, antinfiammatorio, antiossidante, antispasmodico, anticonvulsivo.

Principali indicazioni terapeutiche del CBD: regolatore del livello di glucosio nel sangue, migliorativo della circolazione sanguigna nei pazienti diabetici, azione citossica nei confronti delle cellule tumorali (cancro al seno e alla prostata), disturbi del sonno, apnee notturne, paura/ansia, disturbo da stress post-traumatico, depressione.

COSA DICE LA LEGGE

Questo è un capitolo importante perché da sempre la legalizzazione del THC è stata fonte di dibattiti e discussioni politiche.

Per chi fosse interessato: LEGGE 242/2016

Inanzi tutto è bene chiarire che la coltivazione della canapa è stata legalizzata solo per la produzione industriale e solo se risponde a determinati limiti.

Il principale limite concerne il contenuto di THC che non può superare lo 0,2% (0,6% in caso di coltivazione industriale).
Inoltre le sementi devono essere certificate.
Solo se risponde a questi parametri, la canapa può considerarsi ‘legale’.

Canapa legale

La canapa legale viene usata in medicina in casi di dolore cronico (dolore oncologico) e nella cura di psicosi derivanti da varie patologie.

Nei cosmetici la canapa legale viene spesso inserita nella formulazione di creme anti acne e per curare dermatiti di varia natura.

Per quel che riguarda la produzione di alimenti, i derivati della canapa legale (semi, olio, farina etc) sono altamente proteici e aiutano il processo digestivo.

Non è previsto dalla legge 242 l‘uso personale ricreativo, che pertanto rimane a tutti gli effetti non consentito e proibito dalle precedenti leggi in materia sanitaria che restano valide e invariate.

Insomma, si può acquistare a scopo tecnico e collezionistico ma non si può consumare 😉

pipe e alambicchi fiera della canapa

AGGIORNAMENTO del 31/05/2019

(da La Repubblica del 31 /05/2019)

Cosa ha deciso la Cassazione?
Che non possono essere venduti olio, resina, inflorescenze e foglie di cannabis sativa, la cosiddetta marijuana light, perché la norma sulla coltivazione di questa pianta non li prevede tra i derivati commercializzabili. Chi li vende commette un reato, salvo che tali prodotti “siano in concreto privi di efficacia drogante”. E’ questo il passaggio più discusso della decisione, perché già adesso nei negozi si trova cannabis a bassissimo contenuto di thc, la sostanza considerata stupefacente. Nella cannabis light ce n’è una quantità inferiore ai limiti di legge oltre i quali le sostanze si considerano stupefacenti(…) La stessa Cassazione ha detto che sotto lo 0,5%, il thc non è droga. La legge sulla commercializzazione della canapa pone agli agricoltori il limite di 0,2% ma prevede conseguenze penali sopra lo 0,6%.

ESPOSITORI

Coltivazione

Durante la fiera della canapa, molto spazio è stato dato ai metodi di coltivazione di questa pianta.
Ho notato che, anche in questo settore, si da’ molta importanza alla coltivazione biologica utilizzando più possibile fertilizzanti organici.
Questo tipo di concimi vengono usati sia per ottenere una produzione biologica, ma anche per mantenere la qualità del suolo.

Esiste un ente certificatore (Control Union Certifications) che controlla in tutto il mondo le materie prime utilizzate per l’agricoltura biologica.
Per ottenere la certificazione, il prodotto finale non deve contenere tracce di fertilizzanti chimici, pesticidi, conservanti, coloranti chimici o sintetici.
Inoltre non può contenere organismi geneticamente modificati (OGM).

concimi fiera della canapa

Lo stand di Biocanna, una azienda che produce fertilizzanti biologici al 100% con certificazione CU, ha attratto molti visitatori grazie al delizioso motocarro recante le insegne del brand.

I fertilizzanti di Biocanna sono a base vegetale e non contengono elementi di origine animale. Questa scelta è stata fatta per scongiurare il pericolo della presenza di agenti patogeni nocivi all’uomo (es. virus dell’aviaria).

Coltivazione Idroponica (indoor)

Ho trovato davvero interessante lo stand di Idroponica.it che propone un nuovo modo di coltivazione adatto alla canapa ma anche ad altri tipi di piante.

serra idroponica fiera della canapa

Per coltivazione idroponica (idrocoltura) si intende la tecnica di coltivazione senza l’uso di terra che viene sostituita da un substrato inerte come l’argilla espansa o la fibra di cocco.
La pianta viene irrigata con acqua addizionata da fertilizzanti che apportano le sostanze necessarie alla sua crescita e al mantenimento.

Ovviamente per questo tipo di coltivazione c’è bisogno di una attrezzatura particolare.
Inanzi tutto un sistema idroponico che comprende gli alloggi per le piante e l’impianto di irrigazione.

coltivazione idroponica
Dal sito Idroponica.it

Serve poi una serra, un sistema di illuminazione al neon e la resistenza per mantenere la temperatura giusta all’interno della serra.
Potrebbe essere utile anche un ventilatore e un umidificatore.
Quasi indispensabile è un timer per sincronizzare gli eventi durante la giornata.

Per avere piante rigogliose ci sarà poi bisogno di fertilizzanti e additivi mirati, esistono tantissimi manuali che spiegano come ottenere risultati esaltanti con la idrocoltura.

Prodotti al CBD

Tra tutti gli stand della fiera della canapa, quello di CBD World è stato il più didattico,
Il titolare infatti era sempre pronto a spiegare gli usi e le proprietà del CBD, ho scoperto quindi che il CBD puro (al 99%) viene commercializzato in cristalli.

olio cbd world

Da questa base poi si ottengono gli altri prodotti come l’olio ad esempio, che si può trovare con l’aggiunta di varie percentuali di CBD.
L’olio usato come base può essere di vari tipi, sesamo, mais, cocco ma anche di semi di canapa.

Il CBD può essere aggiunto anche al liquido per le sigarette elettroniche e su CBD World viene venduto un kit per prepararselo da se.

tisana hempatica

Il CBD è presente anche nei trinciati e nelle tisane a base di canapa legale, in questo caso non come additivo ma come componente naturale.
Hempatica ad esempio propone alcune tisane alla canapa aromatizzate con altre erbe quali la melissa, la malva o l’ibisco.
Ho avuto il piacere di assaggiarle durante la fiera e, oltre ad avere gli effetti legati alle proprietà delle erbe aggiunte, sono proprio molto buone.

tisana hempatica

Grazie a Be Hempy ho scoperto che il CBD è utilizzato anche per la cura e il benessere degli animali.
Si utilizza come integratore alimentare in varie percentuali per un effetto calmante, antidolorifico o addirittura antiparassitario. Per accellerare la guarigione di traumi, dermatiti, problemi digestivi e anche per alcune patologie neurologiche.

be hempy

Be hempy ha portato in fiera anche prodotti totalmente privi di cannabinoidi come i semi, ricchi di omega 3, 6 e 9 e le proteine in polvere per integrare una dieta vegana o vegetariana.

Cosmetici

E finalmente arriviamo al capitolo dedicato ai cosmetici!
Già mi è capitato di provare dei cosmetici all’olio di canapa e a questo proposito vorrei fare una piccola precisazione.
L’olio di canapa usato nei cosmetici è ottenuto dalla spremitura dei semi e non contiene alcun cannabinoide.

Nei cosmetici si può usare anche il CBD purché non derivante dal fiore.
Siccome il CBD viene estratto quasi esclusivamente dalle infiorescenze, va da se che non potrebbe essere utilizzato nei cosmetici.
L’unica possibilità è usare il CBD sintetico ricavato tramite processo chimico che presenta una molecola pressoché identica al CBD naturale.

Detto questo passiamo ai brand che ho conosciuto alla fiera della canapa.

La Cosmottega

Già conoscevo La Cosmottega grazie ad una loro crema che mi ha regalato una amica l’estate scorsa.
Sicuramente ricorderete la recensione che ne ho fatto e il mio entusiasmo nei confronti di questo brand pugliese.

E’ stato davvero un piacere conoscere le ragazze di La Cosmottega e vedere anche le novità che hanno portato in fiera.
la cosmottegaMi hanno incuriosita molto i nuovi prodotti per il corpo come lo scrub all’olio di semi di canapa e l’olio per il corpo alla canapa e zenzero.

Per quel che riguarda la skincare, la crema viso all’olio di semi di canapa bio e acido ialuronico ha stuzzicato la mia curiosità e prima o poi la acquisterò.

la cosmottega

Ovviamente io ho comprato un barattolo di crema corpo e sono stata anche gentilmente omaggiata del balsamo labbra all’olio di canapa bio. Non posso che ringraziare tutto lo staff de La Cosmottega per la loro calorosa accoglienza.

la cosmottega

Naturosophia

Questa è una giovane azienda di Roma che oltre a rivendere brand affermati come Helix extra o Montalto bellezza bio, ha creato una linea di cosmetici tutta sua.

La linea all’olio di canapa conta di parecchi prodotti, dalla detergenza alla skincare fino alla cura dei capelli.

naturosophia

Io ho voluto acquistare una delle novità portate in fiera, l’olio di canapa con vit. E.
Questo è un olio ottenuto dalla spremitura a freddo ed è

  • Ricco di vitamina E, di omega 3 e omega 6
  • è indicato per chi ha una pelle arida, secca, ruvida e che tende a desquamarsi
  • Indicato quindi in caso di particolari affezioni della pelle come dermatiti, psoriasi, eritemi, micosi o irritazioni cutanee.
  • ha azione antiossidante, è un ottimo rimedio per contrastare i segni del tempo e combattere lo stress ossidativo
  • anti-age

naturosophia

Annabis

Questo è un brand della Repubblica Ceca che punta più sulle proprietà terapeutiche della canapa piuttosto che su quelle cosmetiche.

Annabis produce cosmetici per la skincare ma anche unguenti e pomate per la cura del corpo in caso di malattie dovute a stili di vita non corretti, dolori cronici e sintomatologie dovute all’invecchiamento.

E’ importante specificare che i prodotti di Annabis non contengono sostanze psicoattive.
Per rendere efficaci i loro prodotti utilizzano solo olio ed estratto di canapa in combinazione con altri ingredienti naturali.

annabis

Proprio per testare sia i cosmetici per la skincare che i trattamenti per la cura del corpo, ho acquistato questi due prodotti che inizierò a usare al più presto.

annabis

Bottega della canapa

Questa è una azienda romagnola che produce e vende cosmetici e alimenti.
Nelle rivendite fisiche e in quella on line si possono trovare altri brand che offrono molti tipi di prodotti.
Infatti, Bottega della canapa oltre a produrre la propria linea raggruppa le eccellenze in campo di produzione a base di canapa.
Dall’abbigliamento ai prodotti per biogiardinaggio, dalle borse all’oggettistica.

bottega della canapa

Per quel che riguarda la linea di cosmetici, è veramente molto vasta e comprende skincare, bodycare, haircare, prodotti per bambini, protezioni solari e saponi artigianali.
bottega della canapa

Anche in questo caso nessun prodotto contiene sostanze psicoattive ma solo ingredienti naturali e biologici.

bottega della canapa

Garda Joint – Kosmia

Kosmia è la linea di cosmetici di Garda Joint, una azienda veronese leader nella creazione di prodotti a base di canapa legale.

kosmia

Purtroppo per quel che riguarda i cosmetici, sul sito non è semplice reperire le informazioni ma ho comunque ricevuto in omaggio alcuni campioni che testerò presto.

kosmia

CONSIDERAZIONI FINALI

Pur conoscendo già i molteplici benefici dell’olio di canapa non conoscevo assolutamente quelli del CBD e di tutti i prodotti a lui associati.
Visitare la fiera della canapa e di conseguenza scrivere questo articolo, mi ha arricchita culturalmente stimolandomi a cercare nuove informazioni.

Avendo acquistato molti prodotti che ora sto testando, ho intenzione di scrivere in futuro un altro articolo sugli effetti che ho riscontrato sulla mia pelle.

LEGALIZZARE LA CANNABIS?

In questo articolo ho cercato di essere obbiettiva e imparziale riportando le normative riguardanti la produzione e il consumo della cannabis.

Per quel che mi riguarda non nascondo che personalmente sono a favore della legalizzazione della cannabis sia in campo ‘ricreativo’ che in quello terapeutico.
Certo trattandosi comunque di sostanze psicoattive che vanno ad agire sulla percezione di se e del mondo circostante, la vendita deve essere regolamentata da normative che controllino gli abusi e/o usi illeciti.

fiera della canapa

Fonti:

Coltivazione Biologica
Cannabis Light District
Medicannabis
Cannabis Legale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *