Ciao oggi voglio raccontarvi della mia avventura al SANA  2016 di Bologna.
Anche se è passato più di un mese da quando ho visitato questo salone del biologico ho ancora impresse nella mente le emozioni che ho provato davanti a tutte le meraviglie viste e testate.
In questo post vi parlerò solo della visita al padiglione dedicato al beauty anche se il salone proponeva delle zone dedicate all’alimentazione e ad altri articoli tipo tessuti e prodotti di vario genere.
Se volete sapere di cosa sto parlando andate a vedere il video che vi linko qui sotto (prima parte).
Ma iniziamo col parlare delle novità che i vari brand hanno proposto.
BIOLU’

 

 

Questa azienda nasce come produttrice di detergenti per la casa alla spina, limitando drasticamente l’uso della plastica e altri materiali di packaging. Il concetto è semplice, ci si reca con una bottiglia propria in un punto vendita (che sia munito di bilancia tarata) e la si riempie di prodotto. Va da se che utilizzando sempre la stessa bottiglia si innesca un autoriciclo ‘virtuoso’.
Per il SANA 2016 Biolù ha lanciato la linea di cosmesi alla spina che funziona esattamente come la linea di detergenti per la casa.

In questo caso la linea è vasta e comprende detergenti per mani/viso, corpo, capelli, intimo, per pelli sensibili, olio per il corpo e una linea riservata ai bambini. Per i cosmetici Biolù adopera solo tensioattivi vegetali e l’ingrediente principale è l’OLIVAERISun esclusivo estratto ricco in polifenoli ottenuto a partire da foglie biologiche fresche di Olivo Toscano. Tutti i prodotti sono senza SLES, OGM, EDTA, NTA, fosfati, cloro,derivati animali, profumi sintetici, sbiancanti ottici, sostanze allergizzanti  e hanno una certificazione AIAB.

BIOEARTH

 

Quest’anno Bioearth festeggiava il 20esimo anno di attività. Per questa occasione ha voluto proporre come novità la rivisitazione e ampliamento della storica linea all’aloe The beauty seed .
La linea è caratterizzata dalla presenza di un altissima percentuale di Aloe vera biologica in tutti i prodotti fino ad arrivare al 96%. Contiene pregiatissimi oli e burri vegetali, è vegan, non testa sugli animali e ha una certificazione ICEA.

WELEDA

Nello stand di Weleda c’era una farmacista che illustrava degli integratori alimentari e sono rimasta molto impressionata dalle pastiglie Biodoron. Questo integratore contiene ferro solfato e silicio naturale, è ad alta biodisponibilità ed è ben tollerabile.  Sicuramente proverò a fare una cura con queste pastiglie per vedere se la mia anemia ne può giovare evitando gli sgradevoli effetti collaterali dell’assunzione dei normali integratori da farmacia.

Gentilmente la farmacista ci ha anche dato indicazioni su Vitadoron che è a base di foglie essiccate di fragola di bosco e vite che aiutano la funzionalità epatica. Potrei essere interessata a questo prodotto in futuro ma per ora mi concentrerò sulle pastiglie di ferro.
Sono stata omaggiata di un kit campioncini tra i quali quelli di Venadoron, un gel per gambe stanche che regala e leggerezza agli arti favorendo la microcircolazione. I prodotti di Weleda sono certificati Natrue

LAVERA

.
Le novità proposte da Lavera per quest’anno sono state le creme per le mani e la nuova linea per capelli che però è uscita in ottobre. Le creme mani sono proposte in quattro tipologie, la prima è la crema base ad alta idratazione per pelli secche e delicate.  Poi c’è la crema per mani e unghie 2 in 1 con olio d’oliva e camomilla e la crema antiage ricca di antiossidanti derivati dal ribes e argan. Ulitmo è il trattamento SOS lenitivo al burro di cacao per mani molto screpolate e disidratate. Anche queste creme sono certificate Natrue e sono Vegan.

La linea per i capelli si amplia fino a raggiungere i 14 articoli composti da shampoo, balsamo, maschere. Tutti sono prodotti con sostanze detergenti a base di cocco e zucchero, non contengono petrolati, parabeni e oli minerali e sono certificati Natrue.

VEG-UP

 

 

Questo brand ammetto che non lo conoscevo se non di nome.

Volevo passare perché sapevo che avrebbero presentato una linea di skincare ‘simil botox’ composta da tre prodotti, crema, siero e contorno occhi.
I componenti principali di questo trittico di cosmetici sono lo zafferano che ha un effetto antiossidante e depigmentante.  L‘Esapeptide botox-simile ad effetto liftante insieme all’acido ialuronico idrata e da tono ed elasticità all’epidermide.

La crema inoltre contiene il vino Sangiovese che migliora la couperose e le microalghe che potenziano l’effetto liftante. In più il coenzima Q10 antiossidante e un mix di oli e burri vegetali nutrienti ed emollienti.
Il siero, oltre ai tre ingredienti principali, contiene estratto di bacche di Goji che è un antiradicalico, aloe, glicerina e amido di riso per un effetto lenitivo e idratante.
Il contorno occhi contiene i soliti ingredienti con l’aggiunta di microalghe e plancton che schiariscono e drenano borse e occhiaie, olio di jojoba, aloe e bisabololo che sono emollienti, nutrienti e lenitivi.

Tutti questi prodotti sono certificati AIAB e VeganOK
Inoltre Veg-up ha riproposto la sua linea di cosmetici interamente vegani, biologici e adatti a tutti i tipi di pelle. Sono certificati BDIH, sono non testati sugli animali, vegan e gluten free.

In questa occasione era possibile farsi truccare da una mua con i prodotti del brand.
Io ho assistito a un make up provando anche colori e texture e mi sono convinta a comprare un duo di ombretti che recensirò al più presto. Per essere totalmente ecobio questi prodotti sono davvero validissimi.

HELAN

 

 

 

Helan ha proposto delle profumosissime novità, la linea alle tre vaniglie. La vaniglia deriva da vari tipi di piante e ovviamente ogni tipo ha peculiarità e profumi diversi.
La linea Oolong è idratante e rivitalizzante ed è composta da eau de parfum, shampoo doccia e crema profumata. Il profumo è caldo e speziato.
La linea Kashmir è morbida e avvolgente ed è composta da eau de parfum, schiuma da bagno e talco liquido. Il profumo è dolce e floreale.
La linea Verveine è tonica ed effervescente ed è composta da eau de parfum, gel bagno doccia e latte idratante. Il profumo è quello della vaniglia bourbon, dolce, legnoso e aromatico.
La mia preferita è la linea Kashmir, particolarmente avvolgente e elegante.

Una linea già esistente che però mi ha colpita è la linea d’Oro, elisir antitempo, un olio secco e crema volumizzante che vanno ad agire sulle pelli mature minimizzando le rughe e i segni d’età.
Ultimamente Helan sta riformulando i suoi prodotti con un impronta più possibile naturale, senza parabeni, petrolati, SLES e SLS, nessun componente animale e cruelty free.
Non usa coloranti artificiali ed è testato per i metalli pesanti. E per soddisfare la clientela più esigente in fatto di ecobio ha creato addirittura una intera linea per viso e corpo certificata ICEA.

LA CASUARINA

 

 

Ho rivisto con grande piacere la Sig.ra Paola dell’agricosmetica La Casuarina che avevo conosciuto l’anno scorso e che ho ritrovato più entusiasta che mai.
Per quel che riguarda i prodotti, che hanno come ingrediente principale l‘olio di nocciola, non ci sono state grandi novità ma  tanti progetti per il futuro.

Un deodorante in crema, per esempio, che applicato si trasforma in polvere lasciando una sensazione di fresco pulito e assolutamente nessun residuo.
La crema corpo ora viene commercializzata sia nella profumazione agrumata che neutra ma ben presto per quella senza profumo verranno proposte una serie di essenze con le quali personalizzarla.
L’Agricosmetica La Casuarina è una realtà unica sul territorio nazionale poiché è la sola azienda agricola che possiede al suo interno un laboratorio cosmetico certificato bio e autorizzato dal Ministero della Sanità Italiana e i prodotti sono VeganOK.

L’ERBOLARIO

 

 

 

 

 

Uno degli stand più belli e grandi è stato quello dell’Erbolario che, oltre a esporre tutte le linee in commercio, ha presentato le due linee nuove .
Sono linee molto particolari che fanno del punto di forza la contrapposizione degli elementi, il bianco e il nero, l’uomo e la donna, lo yin e lo yang.
La linea al Ginepro nero, dedicata all’uomo, è caratterizzata dal colore nero. Il profumo è inaspettatamente dolce e aromatico, sensuale e secondo me adattissimo anche a una donna moderna. 

La linea femminile è di colore bianco ed è all’Osmanthus, il profumo è intenso e floreale ma con un retrogusto quasi amaro. Entrambe le linee, oltre ai classici prodotti di detersione e bellezza, propongono anche profumatori per ambienti, candele e travel kit. Per meglio illustrare le caratteristiche di queste due linee l’Erbolario ha allestito un ‘percorso sensoriale‘ molto suggestivo e interessante.

I prodotti de l’Erbolario hanno ingredienti provenienti da attività agricola certificata ICEA inoltre l’azienda aderisce allo standard della LAV ed è attivamente coinvolta in vari progetti benefici oltre che ad avere una politica di produzione a ridotto impatto ambientale.

BIOFFICINA TOSCANA

 

 

 

 

Per quest’anno Biofficina Toscana ha proposto un prodotto che sembra banale ma è fantastico.
Lo scrub corpo al melograno che oltre a fare un delicato effetto esfoliante è anche detergente e idratante. Si può dire che sono tre prodotti in uno anche se io preferisco usarlo solo come scrub evitando di massaggiarlo sulle zone più delicate come il decolletè. Certo è che lascia la pelle meravigliosamente morbida e idratata tanto che si può addirittura evitare di applicare la crema post doccia nelle zone trattate.
Gli agenti scrubbanti sono sale, zucchero, bicarbonato e granuli di melograno e sono inglobati in un mix di oli, burri vegetali e succo di melograno antiossidante. I tensioattivi sono vegetali mentre la profumazione fresca e fruttata deriva da essenze certificate ICEA.
Come ogni anno mi sono trovata molto bene allo stand dei ‘biofficini’. Grazie alla loro disponibilità e competenza ho potuto annusare le essenze esposte e provare lo scrub che mi ha subito conquistata. Gentilmente sono stata omaggiata della borsa di juta che desideravo da tanto tempo dove ho inserito i miei acquisti e gli omaggi ricevuti.
Ricordo che Biofficina Toscana è un azienda che produce cosmetici certificati ICEA, LAV e nichel tested.
NATURAEQUA
Quest’anno naturaequa ha proposto un bel po’ di novità, primi tra tutti i fruttalabbra, dei burrocacao leggermente colorati ispirati alla frutta.  Le referenze sono fragola, ciliegia, lampone, melone e pera, i colori cambiano però hanno tutti la stessa fragranza vanigliata e zuccherina. In più ce n’è anche uno totalmente neutro per accontentare gli uomini che vogliono mantenere sane e idratate le labbra.
Un altra novità è il duo bagno doccia e crema corpo ‘Millevoglie‘ al goloso profumo di vaniglia e limone, molto simile alla crema pasticcera.
Tra l’altro pian piano stanno cambiando i packaging dei prodotti sostituendo quelli in alluminio con tubi fatti in materiale ecologico. E’ un prodotto derivante dalla canna da zucchero quindi non contiene sostanze petrolifiche ed è a basso impatto ambientale. Hanno anche dotato di erogatore spray il tonico alle due rose per evitare spreco di prodotto.  Ma sopratutto hanno cambiato erogatore alla crema contorno occhi che purtroppo risultava difettoso nella prima versione.
Naturaequa è famosa per l’utilizzo di ingredienti a km0 o provenienti da progetti equosolidali. I prodotti sono certificati ICEA e non testati su animali.
ALKEMILLA

 

 

A mio parere lo stand di Alkemilla è stato quello più elegante e visitato. Ricco di novità, a cominciare dai nuovi saponi che si potevano provare grazie a una deliziosa vasca adorna di fiori. Ci sono ben sei tipi di saponette contraddistinte dai diversi profumi e azione detergente.
Delicato alla pesca e albicocca, scrubbante alla ginestra, lenitivo al tiglio e mimosa, antiage ai frutti rossi di bosco, struccante alla mela e rosa canina e artigianale per pelli impure al neem.
Un altra novità succosa è la linea all’acido glicolico dedicata a pelli con segni d’età o macchie.
Il trattamento è composto da tre prodotti, il pretrattamento acido, la crema glycolica in varie percentuali e la crema iperidratante da usare dopo. C’è poi un altro prodotto, la maschera glycolica al 24% da usare una volta alla settimana. La linea glycolica si può usare anche sul corpo per migliorare le smagliature e cicatrici.
Altri prodotti di skincare sono stati aggiunti al catalogo già esistente come il contorno occhi a effetto lifting con applicatore roll on e lo scrub viso.  Sono state proposte anche tre tipi di maschere, quella antiage, quella per pelli sensibili e quella sebonormalizzante.
Al sana sono stati presentati nuovi prodotti di make up che però saranno in commercio nel mese di novembre, si tratta di fondotinta, blush e ciprie.
Ricordo che i prodotti di Alkemilla sono certificati ICEA, VeganOK, non testati su animali ed sono testati per il nichel.
PUROPHI

In questo caso sono rimasta un po’ delusa perché avevo sentito parlare molto di questo brand ma lo stand era estremamente minimal al limite dello spoglio. Ho parlato volentieri con la responsabile che mi ha spiegato l’utilizzo dei bioliquefatti enzimatici ricavati da bucce di vegetali biologici. Queste sostanze vengono estratte senza l’utilizzo di solventi e sono a base acquosa. Avendo un basso peso molecolare sono subito disponibili e velocemente assimilati dalla pelle. Anche questi prodotti sono certificati AIAB e VeganOK.

L’interesse per questa nuova tipologia di attivi mi ha spinto a chiedere alcuni campioncini ricevendo purtroppo risposta negativa. La responsabile mi ha detto con aria dispiaciuta che purtroppo non sono riusciti a produrli in tempo.
Perfettamente comprensibile il disguido, certo che poi vedere video di youtubers più o meno famose che hanno ricevuto in omaggio delle full size non è stato molto piacevole visti anche i prezzi medio alti del brand. Del resto da quel che ho capito l’intera campagna pubblicitaria di questo marchio si basa sulle recensioni delle bloggers/youtubers.

DOBRASIL

Di questo brand conosciuto l’anno passato proprio al SANA ho apprezzato l’onestà. Leggendo l’inci sui campioncini infatti mi ero accorta che non tutti i prodotti erano ecobio.  Siccome che l’azienda punta molto su questa caratteristica mi era sembrato davvero strano trovare dei ‘pallini rossi’ tra gli ingredienti. Il dubbio mi era tornato guardando recentemente alcuni video dove delle beauty youtubers recensivano i prodotti dicendo che erano ecobio.

Quest’anno ho avuto l’occasione per esporre le mie perplessità direttamente alla responsabile che era presente allo stand. Mi è stato spiegato che stavano riformulando tutti i prodotti per farli diventare ecobio e certificati ma in alcuni casi non avevano ancora trovato una composizione soddisfacente quindi erano presenti alcuni ingredienti non conformi. La maggior parte dei prodotti però sono certificati CCPB e Natrue.

Anche DoBrasil ha presentato una novità quest’anno, la linea Victoria Regia composta da bagno doccia, crema corpo, crema mani e eau de toilette. Il detergente contiene solo tensioattivi vegetali e le creme contengono olio di Patauà ricco di vitamine e omega 3 e 6 risultando così protettive, nutrienti e idratanti. Personalmente ho provato il profumo ed è delizioso.

HELIX EXTRA

Questo brand lo conosco perché ho avuto modo di testare alcuni prodotti in campioncino che mi hanno dato l’anno passato.
Helix extra usa come ingrediente principale la bava di lumaca pura o associata ad altri ingredienti come l’aloe o il veleno di vipera (sintetico).
A questo proposito ho provato sul dorso della mano il nuovo siero Trium serum contenente bava di lumaca, veleno di vipera e aloe e devo dire che ho sentito un fastidioso pizzicore che mi ha fatto desistere dal comprarlo anche se ero piuttosto convinta. L’idea di sentire quella sensazione sgradevole sul viso e decolletè non mi piaceva affatto quindi ho desistito.
Lo standista mi ha assicurato che il pizzicore dura per pochi secondi ma ho preferito non rischiare.

In ogni caso la crema e il gel puro sono ottimi e ho notato che le tipologie di prodotti sono aumentate dall’anno passato. Adesso ci sono trattamenti per i capelli, saponi, struccanti e addirittura olio di argan. Tutti i prodotti di Helix extra non contengono Parabeni, petrolati, siliconi, Peg, OGM, allergeni, profumi di sintesi. Purtroppo non sono certificati, importante sottolineare che la bava di lumaca è 100% italiana.

E questo è il breve resoconto di quel che sono riuscita a vedere quest’anno. Per il prossimo anno ho intenzione di studiarmi un modo per stilare un elenco di stand da visitare con un certo ordine.  Quest’anno ho fatto tutto alla cieca e ho scordato di vedere tante cose ma ilSANA 2017 per me non avrà segreti!

Vi lascio i video sulla mia avventura al SANA. Ci vediamo al prossimo post. Ciao!

Sana 2016 – Salone internazionale del biologico e del naturale (BO) ultima modifica: 2016-11-02T14:12:00+00:00 da Cristina Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *